La chirurgia del cancro alla prostata laparoscopia

Prostatectomia Robotica prostata 120 gr -Robotic Radical Prostatectomy Prostate 120 gr -Dr Frongia

Tallone della prostata

Introduzione torna su. Il cancro della prostata è il tipo di tumore più comune nel sesso maschile. Oggigiorno la larga diffusione dei programmi di screening ha reso la diagnosi di questo tumore sempre più precoce. Tuttavia, in laparoscopia non si apre la parete addominale e non si utilizzano divaricatori. La prostatectomia laparoscopica è associata a:. Estese revisioni della letteratura medica hanno confermato che i risultati funzionali ed oncologici della laparoscopia, sono sovrapponibili a quelli della prostatectomia aperta.

Sulla sinistra è rappresentata la linea di incisione ombelico-pubica che si pratica per eseguira una prostatectomia tradizionale. Nella prostatectomia laparoscopica ,a destra, si praticano delle piccolissime incisioni. Cenni storici torna su.

La prima prostatectomia laparoscopica fu eseguita da Schuessler nel Le prime serie di prostatectomie erano caratterizzate da tempi operatori compresi tra la chirurgia del cancro alla prostata laparoscopia 8 e le 11 ore ed una degenza media di 7,3 giorni. Tali gruppi, grazie ad alcune modifiche tecniche, riportarono tempi operatori di ore, perdite ematiche medie di ml, diminuite degenze ospedaliere e una più precoce rimozione del catetere vescicale. Indicazioni e controindicazioni torna su.

I pazienti candidati alla laparoscopia sono i pazienti affetti da cancro della prostata organo-confinato in cui gli esami diagnostici di stadiazione hanno escluso la presenza di metastasi. Viene inoltre specificato il rischio di conversione ad un tipo di intervento aperto la chirurgia del cancro alla prostata laparoscopia vi siano dei rischi riguardanti il raggiungimento di tali obiettivi.

Vengono inoltre fatte indossare delle calze elastiche volte alla prevenzione degli episodi di trombosi venosa. Gli strumenti laparoscopici hanno un calibro di 5 o 10 mm. Strumentazione per prostatectomia laparoscopica. Il paziente viene collocato sul letto operatorio in posizione supina con la testa in giù posizione di Trendelenburg.

Tale posizione consente di retrarre dalla regione pelvica le anse intestinali grazie alla forza di gravità. In caso di accesso trans peritoneale viene eseguita una incisione peri-ombelicale per collocare la prima porta laparoscopica. Successivamente viene insufflata in addome CO2 anidride carbonica per creare lo pneumoperitoneo. Se è stato utlizzato un ago di Veressquesto viene sostituito con un trocar laparoscopico da 12 mm.

In caso di accesso extraperitonealeinvece, i trocar vengono introdotti nello spazio la chirurgia del cancro alla prostata laparoscopia del Retzius. Descrizione della tecnica torna su. Con questa tecnica la dissezione della prostata procede per via anterograda. Il primo passo è la chirurgia del cancro alla prostata laparoscopia sezione della ghiandola prostatica dal collo vescicale.

Successivamente la prostata viene trazionata e manipolata facilitando il risparmio delle benderelle neuro-vascolari. Il paziente la chirurgia del cancro alla prostata laparoscopia fissato sul letto operatorio supino in posizione di Trendeleburg spinta con le gambe in alto a 45 gradi di inclinazione.

Un ago di Veress viene utilizzato per indurre lo pneumoperitoneo e viene successivamente sostituito con un trocar da 12 mm. Attraverso questa porta viene introdotta la telecamera. La riflessione peritoneale a livello del cavo retto-vescicale del Douglas viene incisa sulla linea mediana e per via smussa vengono identificati ed isolati i dotti deferenti e le vescicole seminali. I deferenti vengono clippati e sezionati. Tale dissezione deve avvenire lungo la linea mediana per evitare di causare lesioni ai fasci neuro-vascolari.

Altri chirurghi non eseguono questa fase ed isolano le vescicole seminali anteriormente dopo aver sezionato il collo vescicale dalla prostata. Una incisione a forma di U rovesciata viene praticata a livello del peritoneo anteriore medialmente al legamento ombelicale per accedere nello spazio del Retzius. Si esegue a questo punto la linfadenectomia. Un punto di sutura a forma di 8 viene posizionato per controllare il complesso venoso dorsale del Santorini. Viene solitamente utilizzata una sutura di 12 cm di Vicryl 1 con ago da 36 mm tipo CT1.

Una sutura supplementare viene posta sulla faccia anteriore della porzione centrale della prostata, a metà strada tra vescica ed uretra, per consentire la trazione e la rotazione della ghiandola.

Legatura del plesso venoso dorsale del Santorini. Il piano posteriore alla giunzione prostato-uretrale viene sviluppato utilizzando una combinazione di dissezione smussa ed acuta. Viene esposto il catetere vescicale di Foley. Viene a questo punto esposto ed inciso il foglietto anteriore della fascia di Denonvilliers che ricopre il retto esponendo in tal modo i deferenti e le vescicole seminali. Sezione del collo vescicale. Tali clip vengono collocate quanto più possibile vicino alla prostata.

Il complesso venoso dorsale viene inciso tangenzialmente alla prostata per evitare di incidere la capsula. Il primo punto viene posto con la sutura colorata ad ore 5 a livello della vescica con passaggio fuori-dentro in modo che il nodo della sutura rimanga sulla parete vescicale esterna e posteriore.

La sutura posteriore termina a ore Punti di rinforzo vengono collocati liddove si rilevano eventuali filtrazioni di soluzione. Viene a questo punto introdotto un altro catetere vescicale il cui palloncino viene gonfiato con 30 mL. Il campione operatorio posto nel sacchetto viene a questo punto estratto. Il paziente viene fissato al tavolo operatorio supino in posizione di Trendelenburg con una inclinazione di 15 gradi. Una trocar da 5 mm viene poi introdotto sulla linea ombelico-pubica 2 dita sopra la sinfisi per sviluppare ulteriormente lo spazio retropubico.

Altri due trocar vengono posizionati lateralmente e inferiormente alla telecamera sulla linea pararettale. Preparazione dello spazio antero-vescicale del Retziusin corso di prostatectomia laparsocopica extraperitoneale.

Disposizione dei trocar per prostatectomia laparoscopica extraperitoenale. Cinque trocar vengono introdotti per via trans peritoneale. Il catetere di Foley viene trazionato cranialmente per facilitare la dissezione retrograda della prostata. Viene incisa la fascia di Denonvilliers, sezionati e chiusi con clips i peduncoli laterali e vengono risparmiati i fasci neuro-vascolari. Successivamente la dissezione procede la chirurgia del cancro alla prostata laparoscopia con la sezione del collo vescicale.

Le due estremità del catetere di Foley vengono congiunte e trazionate insieme per facilitare la dissezione posteriore dei deferenti, delle vescicole seminali e della parete posteriore della prostata. Valutazione dei risultati torna su. I principali vantaggi della prostatectomia radicale laparoscopica rispetto alla prostatectomia radicale in termini la chirurgia del cancro alla prostata laparoscopia risultati operatori sono:.

Per quanto attiene la comparazione dei risultati funzionali, purtroppo non ci sono molti studi che hanno valutato questo aspetto. In giallo si notino le benderelle neuro-vascolari e il loro decorso molto vicino alla prostata. I risultati della laparoscopia in termine di eradicazione del tumore sono identici alla chirurgia convenzionale.

Quanto tempo bisogna rimanere ricoverati una prostatectomia laparoscopica? La chirurgia del cancro alla prostata laparoscopia tempo bisogna portare il catetere dopo una prostatectomia laparoscopica? Dopo chirurgia open il catetere viene rimosso dopo due o tre settimane.

Dopo la laparoscopia invece viene rimosso dopo giorni. La perdita ematica media è di circa cc. Pertanto, il rischio di trasfusione di sangue è estremamente basso. I nervi responsabili della funzionalità sessuale vengono risparmiati durante una prostatectomia laparoscopica? Viene fatto tutto il possibile per risparmiare i nervi. Uno dei principali vantaggi della prostatectomia laparoscopica è che i nervi ed i vasi vengono ingranditi il che rende più agevole il loro risparmio.

Il ritorno della continenza è veloce e, entro poche settimane, oltre il 95 per cento dei pazienti hanno il pieno controllo della propria minzione. Alcuni casi di lieve lieve incontinenza urinaria da stress vengono risolti eseguendo semplici esercizi esercizi di Kegel. This page is having a slideshow that uses Javascript. Your browser either doesn't support Javascript or you have it turned off.

To see this page as it is meant to appear please use a Javascript enabled browser. Cenni storici torna su La prima prostatectomia laparoscopica fu eseguita da Schuessler nel Tali gruppi, grazie ad alcune modifiche tecniche, riportarono tempi operatori di ore, perdite ematiche medie di ml, diminuite degenze ospedaliere e una più precoce rimozione del catetere vescicale Indicazioni e controindicazioni torna su I pazienti candidati alla laparoscopia sono i pazienti affetti da cancro della prostata organo-confinato in cui la chirurgia del cancro alla prostata laparoscopia esami diagnostici di stadiazione hanno escluso la presenza di metastasi.

Strumentazione per prostatectomia laparoscopica Posizionamento del paziente e accesso addominale Il paziente viene la chirurgia del cancro alla prostata laparoscopia sul letto operatorio in posizione supina con la testa in giù posizione di Trendelenburg. Accesso Transperitoneale Con questa tecnica la dissezione della prostata procede per via anterograda. Posizionamento dei trocar porte laparoscopiche Un ago di Veress viene utilizzato per indurre lo pneumoperitoneo e viene successivamente sostituito con un trocar da 12 mm.

Accesso allo spazio extraperitoneale del Retzius Una incisione a forma di U rovesciata viene praticata a livello del peritoneo anteriore medialmente al legamento ombelicale per accedere nello spazio del Retzius. Legatura del plesso venoso dorsale del Santorini Un punto di sutura a forma di 8 viene posizionato per controllare il complesso venoso dorsale del Santorini.

Legatura del plesso venoso dorsale del Santorini Dissezione retro apicale ed isolamento delle benderelle neurovascolari Il piano posteriore la chirurgia del cancro alla prostata laparoscopia giunzione prostato-uretrale viene sviluppato utilizzando una combinazione di dissezione smussa ed acuta.

I risultati della laparoscopia in termine di eradicazione del tumore sono identici alla chirurgia convenzionale Quanto tempo dura una prostatectomia laparoscopica? Il tempo la chirurgia del cancro alla prostata laparoscopia di degenza varia dai due ai quattro giorni.

Che perdita di sangue comporta una prostatectomia laparoscopica? Quali sono i pazienti candidati alla prostatectomia laparoscopica? I la chirurgia del cancro alla prostata laparoscopia affetti da cancro prostatico localizzato. Testimonianze pazienti. Professionalità Cortesia operazione riuscita alla perfezione persona Grandiosa affidatevi al Dott.

Gallo e non ve ne pentirete. Luca P. Esperienza Ottima, con un Professionista che da subito mi ha messo a mio agioper poi effettuare una indagine approfondita' sulla mia situazioneevidenziando la cura e gli eventuali sviluppi.